MATCH PREVIEW: BENETTON RUGBY VS ZEBRE PARMA

Treviso, 13 May 2022

Dopo le due lunghe trasferte nell’emisfero sud contro Bulls e Lions, per il Benetton Rugby si riaccendono i riflettori dello stadio Monigo di Treviso in occasione del recupero del derby italiano contro le Zebre, partita prevista inizialmente per l’inizio di gennaio. Sarà un match importante per i biancoverdi.

Per entrambe le formazioni però sono due le sconfitte rimediate, entrambe in trasferta nell’ultimo round, 37-29 il punteggio dei trevigiani in casa dei Lions di Johannesburg, e 42-14 il risultato rimediato dalle Zebre proprio in casa contro Cardiff. Il confronto nel fondamentale del possesso sarà uno dei fattori che maggiormente influenzeranno l’andamento del match; nell’ultimo incontro le percentuali di possesso tra ducali e biancoverdi si sono confermate molto prossimali, 48% per le Zebre e 46% per il Benetton.

91 le corse in attacco della franchigia di Treviso contro le 119 delle Zebre, anche se sono stati di più i metri guadagnati dal Benetton, 408 rispetto ai 383 dei parmensi, soprattutto grazie all’efficacia impressa dall’avanzamento trevigiano che ha raggiunto un cospicuo 74% di guadagno della linea del vantaggio contro il 52% delle Zebre. Sempre generosa la prova del giovane terza linea biancoverde Lorenzo Cannone che con le sue 15 corse, 3 difensori battuti e 68 metri percorsi (suo anche il sigillo su una delle 4 mete segnate contro i Lions) si è dimostrato uno degli uomini  più impegnati in fase offensiva; in rilievo anche la prova di quella che è ormai una delle frecce più pregiate ed efficaci nella faretra di coach Bortolami, il solito Monty Ioane (autore di 8 corse con 73 metri percorsi, 3 offloads e 3 difensori battuti) che con le sue qualità elusive riesce a dare come sempre dinamismo e velocità alla manovra di attacco del Benetton. Per le Zebre invece in evidenza la performance all’esordio nello United Rugby Championship del giovane centro Franco Smith, che si è distinto per le sue 10 corse, 5 difensori battuti e 92 metri percorsi.

Obiettivo dei biancoverdi sarà certamente quello di migliorare l’84% di efficacia generale nei placcaggi rilevata contro i Lions (114 gli interventi in totale eseguiti con 21 placcaggi non andati a segno), cercando di fare ancora meglio dell’89% delle Zebre contro Cardiff (193 i placcaggi portati dai ducali con 24 mancati). Il match tra biancoverdi e multicolor sarà anche l’occasione di assistere ad un confronto di certo entusiasmante tra i due reparti di terza linea, dove sia il Benetton che le Zebre hanno dimostrato di avere qualità, solidità ed efficacia; sempre incisivo il lavoro del flanker trevigiano Manuel Zuliani che è riuscito come nella settimana precedente contro i Bulls, a recuperare 2 palloni in raggruppamenti avversari, stesso numero del collega di reparto Lorenzo Cannone a cui si aggiunge un altro recupero da parte dell’altro flanker Giovanni Pettinelli. Per le Zebre invece gran prova dei due terza linea Jimmy Tuivaiti e  Luca Andreani con un pallone rubato ciascuno.

Proprio il breakdown sarà l’area di gioco in cui si definiranno maggiormente gli equilibri del match: l’89% di efficacia nel mantenimento nei raggruppamenti, ha permesso al Benetton di imprimere estrema concretezza e velocità alla trasmissione dei palloni dalle proprie rucks con il 77% dei palloni giocati nell’intervallo 0-3 secondi, appena il 18% nell’intervallo 3-6 secondi e solo il 5% giocati sopra i 6 secondi. Per le Zebre una percentuale di efficacia nel possesso nei raggruppamenti maggiore dei biancoverdi, 96%, ma con una trasmissione del pallone più lenta di quella dei Leoni, 68% i palloni giocati nel lasso 0-3 secondi, 21% in 3-6 secondi e 11% sopra i 6 secondi.

Un’area di gioco su cui il Benetton potrà strutturare delle buone piattaforme di attacco sarà quello della mischia ordinata; nel match contro i Lions i trevigiani hanno raggiunto un 100% di proprie mischie vinte con una percentuale di efficacia nel mantenimento del 75%, un ottimo risultato che mette i biancoverdi in una condizione di maggiore fiducia se si considera il più contenuto 88% con il 75% di efficacia nel mantenimento delle Zebre contro Cardiff: per i ducali anche 3 penalità concesse in questo specifico frangente.

Situazione leggermente diversa per quanto riguarda la rimessa laterale, dove il Benetton ha raggiunto un 94% di proprie rimesse vinte rispetto al 100% delle Zebre, per i trevigiani però un pallone recuperato su lancio dei sudafricani Lions. Un aspetto che, come sempre più spesso accade, sarà fondamentale nell’economia del match, sarà quello della disciplina; il Benetton dovrà per forza cercare di contenere al minimo le infrazioni, condizione necessaria vista la buona tenuta delle Zebre in questo ambito con sole 6 penalità concesse contro Cardiff.

Calcio d’inizio previsto per le 17:30 di sabato 14 maggio.

Articolo a cura di Italrugbystats


Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

OK MORE