MATCH PREVIEW: BENETTON RUGBY VS SHARKS

Treviso, 25 February 2022

Archiviata la sfortunata ma coraggiosa prova in terra scozzese che ha visto il Benetton sconfitto per 13-3
dai Warriors di Glasgow, i Leoni di coach Marco Bortolami sono pronti ad ospitare i sudafricani Sharks
tra le mura amiche dello stadio Monigo di Treviso in occasione del recupero del round 10 dello United
Rugby Championship, inizialmente previsto all’inizio di gennaio.

L’avversario che si troveranno di fronte i biancoverdi sarà una tra le più quotate e storiche tra le franchigie sudafricane, gli Sharks di  Durban, che si presenteranno a Treviso con diversi Springboks campioni del mondo nel 2019. L’ultimo match giocato dagli Sharks è stato quello due settimane fa, in cui la squadra di Durban ha espugnato il campo dei connazionali Bulls per 23-29. Molto simili le percentuali di possesso palla ed efficacia in attacco per entrambe le squadre: 85 corse in attacco per i Leoni con una percentuale di possesso del 42% e di guadagno territoriale del 56%, per i sudafricani invece molto contenuto il numero di attacchi portati, appena 52, dato che però alla luce dei 29 punti segnati, evidenzia l’elevata capacità di finalizzazione della franchigia sudafricana (4.33 punti segnati in media per ogni ingresso nei 22 metri avversari), dato su cui si innesta un possesso del 42% e un guadagno di territorio del 36%. Ottimo il guadagno della linea del vantaggio del Benetton, un 75% che si è concretizzato in 293 metri guadagnati in avanzamento, per gli Sharks invece un guadagno della linea del vantaggio del 67% con un guadagno complessivo di 252 metri.

Di grande qualità la prova in cabina di regia dell’apertura argentina Tomas Albornoz, che ha dato ritmo e qualità all’attacco biancoverde (97% l’efficacia generale della manovra offensiva dei veneti) autore di 11 corse con 99 metri percorsi e 2 difensori battuti; solida anche la prova degli Sharks contro i Bulls, con una percentuale di efficacia del 98% su sui spiccano le performances del flanker Henco Venter e dell’estremo Aphelele Fassi, autori di 7 corse in attacco con rispettivamente 41 e 52 metri percorsi. Identica invece la percentuale di efficacia nei placcaggi tra veneti e sudafricani, un 89% che però ha visto il Benetton eseguire 200 placcaggi complessivi contro i 161 degli Sharks che ne hanno mancati invece 19. Per i biancoverdi ottime le prove difensive delle due terze linee Lorenzo Cannone e Manuel Zuliani, autori di 17 e 16 placcaggi con il 100% di efficacia; per gli Sharks solide performances del flanker Henco Venter, 13 placcaggi con il 100% di efficacia, e del tallonatore campione del mondo Mbongi Mbonanbi con 10 interventi sempre con il 100% di efficacia.

Grazie alla distribuzione  dinamica del giovane mediano di mischia Alessandro Garbisi, i biancoverdi sono riusciti a tenere molto alta la percentuale di quickball giocate nell’intervallo 0-3 secondi, un 64% di gran lunga superiore al 46% fatto registrare dagli Sharks nello stesso lasso di tempo. La battaglia nel breakdown, area di gioco in cui le franchigie sudafricane sono storicamente più competenti e pericolose, costituirà un elemento chiave del match: contro Glasgow i Leoni hanno dato prova di grande concretezza con un’efficacia generale  nel mantenimento del 97%, ottima la prova del tallonatore Giacomo Nicotera che ha concluso 18 ingressi in rucks avversarie recuperando anche un pallone al possesso degli scozzesi. 3 palloni rubati invece dagli Sharks contro i Bulls, ma i sudafricani di Durban hanno fatto registrare una minore efficacia generale nel mantenimento, un 82% su cui però spicca la presenza dell’iconico capitano degli Springboks Siya Kolisi, con 9 ingressi e un pallone recuperato in raggruppamenti avversari.

Serratissimo sarà il confronto in mischia chiusa, dove i biancoverdi hanno capitalizzato un 80% di proprie mischie vinte con un’efficacia di possesso del 40%, mentre gli Sharks si sono attestati all’88% con un’efficacia del 63%; più performanti invece in rimessa laterale i leoni con ben il 94% di proprie touches vinte contro l’84% dei sudafricani, che pur riuscendo a rubare due lanci ai Bulls, hanno fatto registrare delle imprecisioni in fase di lancio (3 lanci sbagliati sui 18 eseguiti).

Sul piano della disciplina il Benetton si presenterà all’incontro con 10 falli commessi contro i Glasgow Warriors, mentre gli Sharks hanno chiuso il match contro i Bulls con 14 infrazioni totali su cui hanno pesato diverse irregolarità nei raggruppamenti, 5 i falli commessi, e in situazioni di fuorigioco, 6 infrazioni.

Calcio d’inizio previsto per le 16:05.

Articolo a cura di Italrubystats


Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

OK MORE