RABODIRECT PRO12: Zebre-Benetton Treviso 14-12

Treviso, 03 Gennaio 2014

Parma, 4 gennaio 2014

MARCATORI: pt 12′ Palazzani meta; 16′ , 27′ e 40′ Berquist p.; st 2′ e 12′ Orquera p; 15′ Berquist p.; 25′ Orquera p.

ZEBRE: Palazzani; Berryman, Ratuvou, Garcia, Venditti (pt 37′ Toniolatti); Orquera, Chillon; Vunisa, Van Schalkwyk, Bergamasco (st 33′ Ferrarini); Bortolami (st 33′ Biagi), Geldenhuys; Chistolini (st 16′ Redolfini), Giazzon (st 31′ D’Apice), Aguero (st 16′ Perugini). A disp.: Cattina, Quartaroli.All. Cavinato.

BENETTON TREVISO: McLean; Nitoglia, Loamanu, Sgarbi, Esposito; Berquist, Botes (st 35′ Gori); Barbieri, Zanni (st 1′ Bernabò), Budd (pt 27′ Filippucci); Van Zyl (st 29′ Fuser), Pavanello; Cittadini (st 37′ Fernandez-Rouyet), Ghiraldini, Rizzo (st 24′ De Marchi). A disp.: Sbaraglini, Ambrosini. All. Goosen.

ARBITRO: Ruiz della Federazione Francese.

NOTE: pt: 5-9; spettatori: 4501; RaboDirect Man of the Match: Davide Giazzon (Zebre); calciatori: Zebre 3/5 (Orquera 3/5), Benetton Treviso 4/5 (Berquist 4/5); punti in classifica: Zebre 4, Benetton Treviso 1.

Partita dai due volti per il Benetton, che resta in campo a Parma solo per 40′ e nella ripresa subisce la rimonta delle Zebre che si aggiudicano così il secondo derby celtico stagionale.

Il dubbio dell’ultima ora dei Leoni è legato alla panchina, con Alberto Di Bernardo alle prese con una fastidiosa tonsillite e Brendan Williams e James Ambrosini portati con il gruppo.

Quest’ultimo sarà proprio chiamato a sostituire l’italo-argentino con la maglia numero 23.

A provarci per prima è la formazione di casa, con Orquera che al 4′ cerca un drop che finisce malamente a lato.

Da un’incertezza difensiva su un up and under recuperato da Giazzon nasce, comunque, la prima marcatura per le Zebre.

Il sempre pericoloso Van Schalkwyk trova il varco e calcia per se stesso. Ludovico Nitoglia perde il possesso, forse anche disturbato da una piccola trattenuta di Palazzani, che riesce a tuffarsi oltre la linea e a schiacciare.

La reazione arriva immediata ed è affidata al piede dell’apertura Mat Berquist che realizza i primi tre punti con un calcio difficile dalla distanza.

Da posizione molto simile, ma poco più ravvicinata, il neozelandese concede il bis al 27′ per il primo vantaggio ospite, dopo un fallo in rimessa laterale di Bortolami.

Il capitano delle Zebre si ripete in negativo al 32′ con un fallo veniale sullo stesso Mat Berquist, che prova a calciare ma sbaglia per la prima volta.

Nel finale della frazione di gioco un “mani in ruck” viene punito dall’arbitro francese Ruiz e Mat Berquist aumenta il divario a 4.

La ripresa si apre nel peggiore dei modi per Treviso che sul calcio d’invio commette subito un fallo e consente ad Orquera di accorciare le distanze.

Al 7′ occasione ghiotta per il Benetton con Tobie Botes che gioca alla chiusa con Marco Filippucci che arriva ad un passo dalla meta, ma l’arbitro segnala in avanti l’ultimo passaggio.

Cinque minuti dopo, Orquera sfrutta un fallo della mischia trevigiana e riporta avanti i suoi 11-9.

Nemmeno il tempo di esultare per gli uomini di Cavinato e Casellato che subito Mat Berquist rimette le cose a posto per il Benetton con un calcio centrale.

Alternanza continua nel diluvio del XXV Aprile, con le Zebre di nuovo avanti a 15′ dalla fine con un calcio di Orquera per entrata laterale di Lorenzo Cittadini in maul.

Al 28′ l’occasione migliore per il XV della Marca. Antonio Pavanello sporca una rimessa avversaria e la palla arriva tra le braccia di Robert Barbieri, a cinque metri dalla linea di meta.

Il pallone reso viscido dalla pioggia non viene, però, controllato dal terza linea e si riprende con una mischia per i bianconeri.

Un fallo della mischia ospite consente ad Orquera l’occasione per chiudere la partita a 3′ dalla fine, ma l’apertura della nazionale colpisce male il pallone, impattando con il terreno e si resta 14-12.

Il risultato, tuttavia, non cambierà più, con il primo successo nei derby ed in casa delle Zebre, secondo assoluto in RaboDirect PRO12 per la franchigia federale.


Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

OK MORE