MAGNERS LEAGUE: Premiazioni di fine anno agli Awards

Treviso, 08 May 2011

Treviso, 10 maggio 2011

Si sono tenute domenica sera le consuete premiazioni della Magners League. La cena finale degli Awards per la stagione 2010/2011 si è svolta in Irlanda, alle porte di Dublino.

Per il Benetton Treviso erano presenti il Direttore Generale Vittorio Munari, l’Head Coach Franco Smith, il capitano Antonio Pavanello, l’ambasciatore del club presso la Magners League Simon Picone ed i giocatori Gonzalo Padrò e Willem De Waal.

Questi ultimi erano presenti, in quanto in lizza per due dei premi più ambiti. Gonzalo Padrò era tra le nomination per la meta dell’anno per la marcatura personale realizzata nel corso dell’incontro casalingo contro Munster dello scorso 13 febbraio.

Willem De Waal, nonostante sia arrivato in corso d’opera, invece, è giunto ad un passo dal vincere il “Gilbert Golden Boot”, consegnato al calciatore più prolifico.

La serata ha visto protagoniste soprattutto le prossime quattro semifinaliste della competizione, che hanno fatto incetta di premi.

Al Munster capolista sono andati ben tre premi. Tony McGahan è stato eletto allenatore della stagione, mentre Ronan O’Gara ha soffiato a Willem De Waal il “Gilbert Golden Boot”.

Alan Quinlan è stato, poi, premiato dal Chairman della Magners League, Andy Irvine, con il Chairmans’ Award, che onora il terza linea irlandese prossimo al ritiro dopo quindici anni di brillante carriera con la maglia del team di Cork e Limerick.

Rivale del Munster in semifinale, sabato 14 maggio al Thomond Park di Limerick, sarà la formazione gallese degli Ospreys.

Al team di Swansea è andato il riconoscimento per la meta più bella dell’anno, realizzata da Ashley Beck al Liberty Stadium contro i Glasgow Warriors.

MAGNERS LEAGUE: Premiazioni di fine anno agli Awards

Antonio Pavanello con Leo Cullen, capitano del Leinster semifinalista in Magners League e finalista in Heineken Cup,
sconfitto a Monigo dai Leoni per 29-13 lo scorso 18 settembre.

L’altra semifinale sarà, invece, quella tra Leinster ed Ulster che si affronteranno venerdì 13 maggio alla Royal Dublin Society di Dublino.

Entrambe le formazioni hanno collezionato un premio nella serata. Al Leinster è andato lo Specsavers Fairplay Award, come squadra più corretta, grazie al minor accumulo di cartellini gialli e rossi.

Il club irlandese potrà così anche contare sulla somma di 10.000 Sterline da reinvestire in progetti di sviluppo per il settore giovanile.

All’Ulster, invece, è andato uno dei premi più ambiti: il Players’ Player of the Year, vale a dire il giocatore dell’anno votato dai capitani delle dodici squadre celtiche.

Ad aggiudicarselo è stato il mediano di mischia sudafricano Ruan Pienaar, già Nazionale con gli Springboks e giunto quest’anno a Belfast.

Infine, riconoscimento quale giovane talento emergente al terza linea dei Newport Gwent Dragons Toby Faletau.

Il talentuoso ventenne tongano cresciuto nell’Accademia del Bristol ed in odore di convocazione con la maglia del Galles, è stato votato da un comitato formato da 19 giornalisti provenienti dai quattro diversi Paesi del torneo.

Alla fine, saluto di rito ed appuntamento al 28 maggio per la Grande Finale, la seconda della storia della kermesse a cui quest’anno ha preso parte per la prima volta anche il Benetton Treviso.

MAGNERS LEAGUE: Premiazioni di fine anno agli Awards

Il Direttore Generale del Benetton Rugby, Vittorio Munari, mentre firma
il registro delle presenze alla serata degli Awards della Magners League.


Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

OK MORE