I VOLTI NUOVI: James Ambrosini - Mediano di Apertura

Treviso, 11 Luglio 2012

Treviso, 12 luglio 2012

James Ambrosini è un giovane talentuoso mediano di apertura nato a Brisbane, in Australia, il 5 giugno 1991. Adattabile anche come estremo o mediano di mischia, è stato Nazionale giovanile Australiano.

Faceva parte della Nazionale Under 20 impegnata in Italia al Junior World Championship l’estate scorsa, ma un infortunio alla mano sinistra nel match di preparazione con la Scozia gli fece saltare la kermesse.

“Un giorno strano – confessa il giocatore – perchè ero allo stesso tempo dispiaciuto e contento. Triste naturalmente per l’infortunio, ma subito dopo ho ricevuto la telefonata di Vittorio Munari che mi chiedeva se volevo giocare per il Benetton Treviso.

Mi sono informato sul club e ho continuato un rapporto epistolare e telefonico con il Direttore Generale per molto tempo, finchè non sono venuto a Treviso per vedere direttamente l’ambiente e alla fine ho accettato l’offerta, perchè mi sembrava un’ottima occasione per la mia prima vera esperienza professionale nel mondo del rugby.

Mi è piaciuta molto anche la città e la storia che ci sta dietro, infatti sono rimasto particolarmente colpito dalle mura di fortificazione”.

Una vera particolarità, poi, è che nello stesso giorno della telefonata e dell’infortunio, James stava anche festeggiando il suo compleanno.

Alto 178 cm per 85 chilogrammi di peso, proviene dai Queensland Reds A, ma ha giocato anche con Queensland University ed è cresciuto nell’Accademia dei Brumbies, giocando pure con la formazione A.

“Rugbysticamente mi piace il mio ruolo perchè mi dà la possibilità di gestire l’azione e determinarne in qualche modo gli esiti. Posso anche piazzare, ma sicuramente si può migliorare il mio gioco al piede”.

La famiglia del padre Alpidio, che tutti in Australia bonariamente ma forse anche per semplicità chiamano Al, è di origini abruzzesi, precisamente di Chieti.

La nonna Ines si trasferì in Australia alla ricerca di lavoro assieme agli altri due figli, quando il padre aveva solamente nove anni.

“Nonna compie novant’anni in settembre e per la prima volta salterò il suo compleanno e la cosa un po’ mi dispiace.

Prima di partire non mi ha dato nulla da portare con me, ma sono sicuro che, quando i miei familiari verranno a trovarmi, lo faranno.

L’ultimo giorno in Australia abbiamo fatto un grande banchetto e mia nonna ha preparato il mio piatto preferito, gli gnocchi fatti in casa al pomodoro, un saluto davvero speciale.

Io amo molto viaggiare ed una delle prime tappe europee sarà sicuramente in Abruzzo alla riscoperta delle terre natie dei miei avi e di mio padre.

Poi andrò a Milano dove vivono ancora molti zii e parenti, che mi piacerebbe davvero poter conoscere”.

Milano, appunto, città alla quale è legata la prima incompresione del rapporto con l’Italia.

“Ho letto che hanno affiancato il mio cognome a quello del giocatore del Milan Massimo Ambrosini, dicendo che è un mio zio, ma non è assolutamente vero.

Così come si è già parlato abbondantemente di mia sorella Melissa. Ho due sorelle Kathrine e appunto Melissa, che è diventata famosa per essere una ballerina del Moulin Rouge. In realtà non lavora più là da anni ed è tornata in Australia”.

Con l’Italia il rapporto non è assolutamente conflittuale e chissà che un giorno non arrivi quella già tanto acclamata maglia numero 10 azzurra.

“E’ prematuro pensarci, ma sarebbe comunque un bellissimo sogno. E se dovessi capitare contro l’Australia, farò di tutto per vincere”.

Quella italiana è per James la seconda avventura europea, dopo quella di alcuni anni fa come scambio culturale-sportivo tra Australia ed Inghilterra.

“Sono stato ad Hartpury a giocare tre-quattro mesi presso la formazione del College locale, giocando con la loro squadra di Rugby Union e con la formazione universitaria. E da lì ho anche fatto alcune apparizioni con la squadra A del Gloucester”.

Quindi già un’idea precisa del rugby europeo.

“So che ci attende una stagione difficile, perchè il RaboDirect PRO12 è un torneo molto competitivo. Come squadra spero possiamo migliorarci e fare sempre meglio.

Personalmente il mio obiettivo è quello di crescere ed essere una vera e propria spugna, pronto ad assorbire tutte le indicazioni che arriveranno dai giocatori più esperti.

Conosco bene Luke McLean e Kris Burton che vengono dalla mia zona ed entrambi hanno giocato anche come numeri 10.

Con Luke sono stato anche a scuola assieme, però non abbiamo mai avuto la possibilità di giocare nella stessa squadra.

Cercherò, poi, soprattutto di prendere più consigli possibili dai due allenatori, Franco Smith e Marius Goosen, che sono stati entrambi mediani di apertura e allora potranno sicuramente aiutarmi nello sviluppo delle mie potenzialità”.

Nel tempo libero, oltre a cercare di terminare l’Università – è iscritto alla Queensland University alla facoltà di Sports Science, cosa che gli è valsa una discreta pratica come personal trainer – condivide alcune passioni con il suo nuovo coinquilino Dean Budd.

“Anche a me piacciono i videogiochi ed il mio favorito è Fifa 12 e condividiamo pure la passione per i film sportivi, il mio preferito è Remember the Titans (film del 2001 sul football americano e sul razzismo con uno straordinario Denzel Washington nei panni del protagonista coach dei Titans appunto, conosciuto in Italia con il titolo “Il sapore della vittoria”, ndr), mentre il gruppo musicale che più ascolto sono i Little Casino, una band australiana capeggiata da un amico.

Mi piace molto andare in spiaggia e al mare e lo skateboard, anche se non l’ho portato con me dall’Australia.

In comune con Dean abbiamo anche gli inizi sportivi. Giocavo a calcio perchè c’era il mio migliore amico, poi all’età di otto anni, quando lui ha deciso di cambiare e passare al rugby, ho provato, diventando il primo giocatore della mia famiglia, e continuo tuttora”.

LA SCHEDA

NOME: James Nicholas Luke
COGNOME: Ambrosini
NATO A: Brisbane (Australia)
IL: 5 giugno 1991
ALTEZZA: 178 cm
PESO: 85 kg
RUOLO: Mediano di Apertura, Mediano di Mischia, Estremo
SQUADRE PRECEDENTI: Queenslands Reds A, Queensland University, Brumbies A, Brumbies Academy
PALMARES: –
HONOURS: Nazionale giovanile e scolastico


Share

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

OK MORE